…una nana in roulotte ( e parecchie ore di sonno in meno)…

L’ultima volta che siamo andati nella roulotte in Corsica eravamo io te e due amache.

Questa’anno la nostra macchina era più grande e più piena e sarà che sono partita scettica e già sapevo, ma la nostra prima vacanza in tre è partita decisamente in salita.foto

Sarà anche che per me andare al mare significa arrivare in spiaggia alle 8 quando non c’è ancora nessuno, aprire il libro e appoggiarlo all’asciugamanano solo il tempo di un bagno, non portare l’ombrellone perchè alle 11 quando inizia ad arrivare tutta la gente si va via e si ritorna solo dopo un pranzo velocissimo e una dormita di almeno due ore, sarà che l’anno scorso con la Nana piccola non abbiamo fatto ferie…ma l’arrivo nella roulotte in Corsica è stato decisamente traumatico.

I primi giorni hai deciso per lo sciopero del sonno e non stavi ferma un attimo e noi sempre più stanchi siamo diventati nervosi e scontrosi…poi una sera ti sei addormentata pacifica sulla sdraio fuori dalla roulotte non ci siamo guardati e ci siamo dati degli idioti per non averti capito…per non aver capito che avere la mamma e il babbo a disposizione per tutto il giorno per tanti giorni per te era una cosa entusiasmante che non volevi perdere, che l’idea di essere in una casetta sulle ruote ti faceva sentire al luna park e che non volevi che nessuno di questi momenti venisse rubato da uno stupido sonnellino…

Da quel giorno è andato tutto a meraviglia e noi ci siamo gustati la nostra prima vera vacanza con te che ti sei rilassata…che hai salvato un gatto ( che siamo poi giustamente portati a casa…)…che hai fatto il tuo primo bagno sotto i nostri occhi felici e increduli di poter stare finalmente con te per così tanto tempo.

Siamo tornati stanchi come prima, quasi abbronzati, ma molto più felici…

 

 

 

Annunci

4 pensieri su “…una nana in roulotte ( e parecchie ore di sonno in meno)…

  1. Mi viene da piangere.
    “e ci siamo dati degli idioti per non averti capito…per non aver capito che avere la mamma e il babbo a disposizione per tutto il giorno per tanti giorni per te era una cosa entusiasmante che non volevi perdere”…
    Dimmi cosa c’è di sano in tutto questo. Che società malata. Non ce la farò mai a rassegnarmi.

    Mi piace

  2. Ho adorato questo tuo post, dolcissimo.. anche io spesso mi fermo e cerco di vedere il mondo con i suoi occhi, e capisco quanta innocenza abbiamo perso negli anni.
    E’ un piacere iniziare a seguirti (però aggiorna la pagina “me medesima”, siamo curiosi di sapere di più su di te ;D )

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...